Progetto #pongov ReOPEN SPL – Affidamento in house del servizio rifiuti: on line la registrazione del webinar e il materiale didattico

Rivedi il webinar del 10 dicembre 2020 e approfondisci i temi trattati scaricando la linea guida sul controllo analogo e la nota metodologica sulle motivazioni da inserire nella relazione ex art. 34 del D.L. 179/2012. Accedendo all'apposita sezione del sito, sono disponibili i dettagli sull'intervento di supporto all'Autorità di ATO Toscana Costa e la relativa documentazione

Con un live-webinar dal titolo “L’affidamento in house del servizio rifiuti: requisiti e motivazioni della scelta“, ReOPEN SPL ha partecipato al fitto calendario di eventi collegato alla XXXVII Assemblea Nazionale ANCI.  Nel corso dell’incontro, svolto online il 10 dicembre 2020, sono stati approfonditi, tra l’altro, due temi:

  • la complessità delle motivazioni che l’ente affidante deve addurre per giustificare la scelta di un affidamento diretto a società “in house” (con un intervento curato da Bruno Spadoni, componente del Comitato Scientifico di ReOPEN SPL e già coordinatore dell’Osservatorio nazionale per i servizi pubblici locali del MiSE);
  • gli strumenti e i modelli da porre in essere per garantire la sussistenza dei requisiti richiesti dalla disciplina vigente per l’affidamento in house, con particolare riferimento al controllo analogo (a cura di Daniela Anselmi, vicepresidente dell’Unione Nazionale Avvocati Amministrativisti e componente del Comitato Scientifico di ReOPEN SPL).

Prendendo spunto dai contenuti delle relazioni presentate nel corso del webinar, ReOPEN SPL ha realizzato due documenti di sintesi dedicati ai temi sopra citati che è possibile scaricare cliccando ai link in basso.

A chiusura dell’incontro, Michele Pinotti, dirigente dell’Autorità di ATO Toscana Costa, e Daniele Fortini, presidente del CdA di RetiAmbiente SpA, hanno fornito un’utile testimonianza del percorso che ha portato all’affidamento del servizio integrato di gestione rifiuti nell’ambito territoriale ottimale che aggrega ben 100 comuni toscani. Tale percorso si è avvalso del supporto di Invitalia per la predisposizione della relazione prevista dall’art. 34 del Decreto legge 179/2012.

Scarica la nota metodologica sulle motivazioni dell’affidamento >>>

Scarica la linea guida sul controllo analogo >>>

Vai alla pagina di dettaglio sull’esperienza svolta nell’ATO Toscana Costa >>>

Condividi articolo sui social:

RSS
Follow by Email