Ufficio di prossimità – Regione Umbria

Ufficio di prossimità - Regione Umbria
Regione Umbria

Il progetto si inserisce all'interno del progetto complesso "Uffici di prossimità" a titolarità del Ministero della Giustizia collegandosi alle sperimentazioni portate avanti dalle Regioni pilota (Liguria, Piemonte, Toscana) ed ai modelli da loro prodotti.

La Regione Umbria, con circa 880.000 abitanti è tra le regioni più longeve d'Italia, con il 26% di persone anziane residenti ultrasessantacinquenni, ed è attraversata dalla fascia appenninica, un territorio che presenta un forte svantaggio economico, infrastrutturale e occupazionale. Tali elementi rendono particolarmente gravosa la fruizione dei servizi da parte dei cittadini, soprattutto di quelli appartenenti alle fasce deboli. La revisione delle circoscrizioni giudiziarie, attuata con i decreti legislativi 155 e 156 del 2012, ha determinato la chiusura del Tribunale di Orvieto (le cui competenze sono state acquisite dal Tribunale di Terni) e delle Sezioni distaccate del Tribunale di Perugia di Assisi, Città di Castello, Foligno, Gubbio e Todi nonché degli Uffici del Giudice di Pace di Assisi, Gualdo Tadino, Gubbio, Spoleto, Montefalco, Amelia e Narni. Ciò ha inevitabilmente determinato un congestionamento delle attività di cancelleria presso i Tribunali ordinari mentre i cittadini che facevano riferimento agli Uffici giudiziari soppressi, si trovano nella difficile condizione di dover percorrere notevoli distanze per poter accedere ai servizi della giustizia. Spostamenti resi ancor più difficoltosi dalla particolare conformazione geografica del territorio umbro, e dalle caratteristiche proprie del trasporto pubblico locale.

Il progetto "Uffici di Prossimità" nasce quindi dall’incontro di due diverse esigenze: da un lato il Tribunale, alla ricerca di luoghi di mediazione con il territorio che riducano la distanza, anche fisica, tra cittadino e l’Ufficio giudiziario; dall’altro i Comuni e gli Enti territoriali che intendono semplificare l’accesso e la fruizione dei servizi della giustizia ai propri cittadini integrandoli con i servizi in ambito sociale gestiti sul territorio

La valenza strategica del progetto “Uffici di Prossimità” è difatti dare una risposta ai seguenti fabbisogni: 1) ridurre le distanze tra i cittadini e il sistema giustizia; 2) ridurre i tempi di attivazione ed erogazione dei servizi di informazione per l'inoltro delle istanze/ricorsi; 3) ideare ed erogare un servizio citizen centred; 4) migliorare l’azione dell’amministrazione pubblica a tutela dei diritti delle fasce deboli.

La strategia di intervento pertanto prevede una gamma di attività propedeutiche all'attivazione da parte degli Enti locali di Uffici di prossimità sul territorio regionale e al loro funzionamento, che includono l'allestimento dei locali, la formazione del personale addetto agli Uffici, l'adeguamento di sistemi informatici dedicati e la digitalizzazione dei fascicoli aperti in ambito sociale della Volontaria Giurisdizione.

Progetto Complesso Uffici di Prossimità

articoli correlati
gennaio 19, 2022
L’adattamento al cambiamento climatico è un tema trasversale e di grande attualità, la cui...
gennaio 13, 2022
Il 2021 chiude un periodo di intense attività sul tema della transizione digitale della...
dicembre 23, 2021
Si avvisano i Comuni che il termine per la presentazione delle richieste di contributo...
dicembre 2, 2021
Domani, dalle 9.00 alle 13.30, si svolgerà in videoconferenza il convegno Comunicare l’adattamento ai...
novembre 25, 2021
In programma ad Arezzo il 30 novembre – dalle ore 14.30 alle 18.30 –...
novembre 16, 2021
Dall’11 novembre prende il via un nuovo corso di 4 webinar dedicato al tema della...
ottobre 29, 2021
Nell’ambito dell’iniziativa “PREMIO FORUM PA SANITÀ 2021” promossa da Forum PA in collaborazione con P4I, la...
ottobre 20, 2021
La pandemia COVID 19 ha modificato profondamente i modelli di vita e ha costretto...
ottobre 7, 2021
Prosegue il percorso formativo organizzato da AgID e Formez PA nell’ambito del progetto Informazione e formazione...
Condividi articolo sui social: