Ufficio di prossimità – Regione Calabria

Ufficio di prossimità - Regione Calabria
Regione Calabria

Il progetto si inserisce all'interno del progetto complesso "Uffici di prossimità" a titolarità del Ministero della Giustizia collegandosi alle sperimentazioni portate avanti dalle Regioni pilota (Liguria, Piemonte, Toscana) ed ai modelli da loro prodotti.

In Calabria la revisione delle Circoscrizioni Giudiziarie ha comportato la soppressione di otto Sezioni distaccate e di un tribunale. In particolare, le soppressioni hanno riguardato le Sezioni distaccate di: Chiaravalle Centrale, Acri, San Marco Argentaro, Strongoli e Scalea, e il Tribunale e la Procura di Rossano; le Sezioni distaccate di Siderno, Cinquefrondi e Melito Porto Salvo per ciò che attiene Reggio Calabria.

La riduzione del sistema giustizia è stata quindi significativa e, alla naturale difficoltà logistica e funzionale della nuova architettura territoriale giudiziaria che ha comportato difficoltà e disagi, si deve aggiungere la natura morfologica della Calabria, che si presenta assai complessa. Inoltre, i numerosi centri urbani sono serviti da un sistema trasporto insufficiente nella sua dotazione infrastrutturale e di servizi. Tali condizioni del sistema trasporto rendono difficile la mobilità interna (accessibilità interna) ed esterna (accessibilità esterna) di passeggeri e merci, rappresentando un freno allo sviluppo socio-economico della regione.

Proprio in questo ciclo di programmazione comunitaria, la Calabria ha puntato sulle potenzialità delle aree interne e rurali anche in termini di sviluppo economico. In tal senso dotare gli ambiti territoriali individuati di una serie di servizi, tra cui gli Uffici di Prossimità, è rilevante per lo sviluppo dei territori che li ospiteranno. La capillarità della PA è essenziale, come presidio di legalità (tema fondamentale), volano di sviluppo economico e sociale e tentativo di riavviare processi di riurbanizzazione e ripopolamento di luoghi defraudati nel tempo dei servizi essenziali.

La valenza strategica del progetto “Uffici di Prossimità” è quindi dare una risposta ai seguenti fabbisogni: 1) ridurre le distanze tra i cittadini e il sistema giustizia; 2) ridurre i tempi di attivazione ed erogazione dei servizi di informazione per l'inoltro delle istanze/ricorsi; 3) ideare ed erogare un servizio citizen centred; 4) migliorare l’azione dell’amministrazione pubblica a tutela dei diritti delle fasce deboli.

La strategia di intervento pertanto prevede una gamma di attività propedeutiche all'attivazione da parte degli Enti locali di Uffici di prossimità sul territorio regionale e al loro funzionamento, che includono l'allestimento dei locali, la formazione del personale addetto agli Uffici, l'adeguamento di sistemi informatici dedicati e la digitalizzazione dei fascicoli aperti in ambito sociale della Volontaria Giurisdizione.

Progetto Complesso Uffici di Prossimità

articoli correlati
settembre 29, 2022
28 settembre 2022 – Quotidianosanita.it Favorire l’adozione di modelli condivisi, innovativi e sostenibili per...
settembre 19, 2022
Dopo aver offerto ai dipendenti delle tante amministrazioni centrali e locali che hanno già...
luglio 26, 2022
Sono disponibili online tutti i materiali di LADidattica, il percorso di formazione per i dipendenti pubblici...
luglio 8, 2022
Il 14 luglio a partire dalle ore 11. si terrà il webinar Piccoli Comuni:...
giugno 20, 2022
Roma, 17 giugno – La nuova Strategia Nazionale per lo Sviluppo Sostenibile 2022 è pronta e...
giugno 8, 2022
Presentata oggi 8 giugno la prima versione del Manuale Operativo Logiche e strumenti gestionali...
aprile 22, 2022
Il Codice dell’Amministrazione Digitale attribuisce ad AgID il compito di monitorare la realizzazione delle...
Condividi articolo sui social: