Sistema Unico di Gestione del Patrimonio Pubblico

Sistema Unico di Gestione del Patrimonio Pubblico
Ministero dell’Economia e delle Finanze - Dipartimento del Tesoro

Il percorso di rinnovamento e innovazione che la Pubblica Amministrazione italiana ha avviato nel corso degli ultimi anni è basato sulla tecnologia quale fattore abilitante della propria missione istituzionale. La PA è sempre più orientata a progettare interventi finalizzati alla reingegnerizzazione e alla digitalizzazione dei processi e all'adozione di modelli organizzativi più efficienti.

In questo contesto, il Dipartimento del Tesoro si pone l’obiettivo di porre la tecnologia al servizio delle attività, in modo che questa possa aumentare l’efficienza dei processi interni, la sicurezza e l’accessibilità dei dati e migliorare le interazioni con gli utenti interni ed esterni al Dipartimento.

Obiettivo del progetto Sistema unico di gestione del Patrimonio Pubblico è rendere più efficiente l’intero processo di gestione dell’attivo patrimoniale dello Stato e migliorarne la governance al fine di garantire la corretta rilevazione e gestione degli asset; la capacità di raccolta e sistematizzazione del patrimonio informativo; la cura delle relazioni con gli stakeholder interni ed esterni al Dipartimento.

Per il Dipartimento del Tesoro ampliare il perimetro di competenza e rafforzare la governance integrata del Patrimonio dello Stato è presupposto fondamentale a garanzia di una maggiore convergenza tra gli obiettivi prefissati e i risultati conseguiti ma richiede una necessaria evoluzione in termini tecnologici e relazionali.

Una più ampia gestione dell’attivo determina infatti un numero maggiore di soggetti con cui interfacciarsi e interagire attivamente. Il Dipartimento oltre a relazionarsi con le Amministrazioni Pubbliche centrali e locali, gestisce rapporti con diversi soggetti che a vario titolo contribuiscono al processo di ottimizzazione e valorizzazione del Patrimonio dello Stato.

Tale contributo è da intendersi come un complesso e articolato flusso di informazioni, dati, comunicazioni che hanno ad oggetto le classi dell’attivo gestite dal Dipartimento. Ampliare le classi di attivo non implica solo un numero maggiore di soggetti cui interfacciarsi ma soprattutto una mole sempre più ampia di flussi informativi da gestire.

Risulta dunque fondamentale dotarsi di strumenti idonei di comunicazione, scambio e condivisione con tutti gli attori coinvolti al fine di consentire al Dipartimento di svolgere le diverse attività operative in modo dinamico, puntuale ed efficace.

L’obiettivo alla base del progetto è quello di creare un Sistema Unico per la Gestione e Valorizzazione del Patrimonio, supportato da una struttura dati centralizzata che raccolga dati sia interni che proveniente da fonti esterne e valorizzato attraverso strumenti di intelligenza digitale che rendano fruibile il dato attraverso report dinamici e funzionalità avanzate di predizione e simulazione di scenari.

Il progetto consentirà il raggiungimento del duplice obiettivo, da un lato ottimizzare l’attuale soluzione applicativa a supporto del processo di gestione dell’attivo patrimoniale, valorizzando l’investimento finora effettuato dal Dipartimento e dall'altro l’adozione di un insieme di tecnologie innovative e strumenti complementari che estendano il perimetro funzionale attualmente a disposizione portando innovazione e trasformazione digitale.

articoli correlati

novembre 18, 2019
“Ascoltare. Decidere. Migliorare”, parole che descrivono al meglio l’azione quotidiana dei sindaci e che quest’anno sono state scelte come titolo della 36ma Assemblea annuale...
novembre 18, 2019
Nel 10° ciclo di attività, il Tavolo di lavoro “Committenze ‐ Imprese” di Patrimoni PA net si concentra su un focus tematico di grande interesse ed...
novembre 18, 2019
Il 12 Novembre si è svolto nella sede ENEA di Roma il Workshop “L’impatto carbonico delle politiche di coesione: risultati e prospettive delle attività...
novembre 18, 2019
(ANSA) – PERUGIA, 15 NOV – La Camera di commercio di Perugia ha presentato i risultati del terzo Report regionale per l’Umbria su economia,...
novembre 12, 2019
Il tavolo “Cahier de Doléances” ha l’obiettivo di sensibilizzare e condividere alcune “imperfezioni” del processo gestionale di quella infrastruttura che, fino a ieri fornitrice...
novembre 12, 2019
È online l’Analisi sugli ambiti tecnologici della Smart Specialisation Strategy nell’industria italiana, realizzata per l’Agenzia per la Coesione Territoriale da MET Srl, nell’ambito delle...
novembre 7, 2019
La capacità di innovazione tecnologica, la competitività delle regioni italiane rispetto a quelle europee e gli effetti che questi fattori hanno sul benessere sociale....
novembre 6, 2019
Nell’ambito delle attività della Linea 6 WP1 del progetto #pongov CREIAMO PA, promosso dal MATTM in collaborazione con Sogesid SPA, per il 6 e 7...
novembre 6, 2019
Il modello CO2MPARE, sviluppato da ENEA nell’ambito di un progetto finanziato dalla Commissione Europea – D.G. REGIO, costituisce un importante strumento di supporto nelle...
novembre 6, 2019
Lunedì 11 novembre 2019, dalle ore 9.30 alle 13.30 presso la Sala Protomoteca in Campidoglio, si terrà l’evento “L’esperienza SIGeSS nei Municipi di Roma...
X