Progetto “Lavoro agile per il futuro della PA” – Avviso di manifestazione di interesse

Obiettivo: individuare PA per sperimentare forme di lavoro innovative

Il Dipartimento per le Pari Opportunità della Presidenza del Consiglio dei Ministri – beneficiario del progetto Lavoro agile per il futuro della PA – pubblica un Avviso per raccogliere le manifestazioni di interesse da parte di Pubbliche Amministrazioni interessate ad avviare percorsi di lavoro “agile”.

Il progetto si inserisce nel quadro delle riforme promosse attraverso la “Legge Madia” (7 agosto 2015, n. 124) che prevede che le amministrazioni pubbliche adottino misure organizzative volte a promuovere la conciliazione dei tempi di vita e di lavoro attraverso meccanismi che favoriscano un’organizzazione delle attività flessibile, non più incentrata sulla presenza fisica ma su risultati misurabili.

Rientrano tra le forme di lavoro “agile” lo smartworking, basato su un’ampia flessibilità che mette nelle migliori condizioni di attività le lavoratrici e i lavoratori, dal punto di vista del luogo, degli strumenti e dell’organizzazione e il co-working, per uno svolgimento della prestazione lavorativa e un’organizzazione delle risorse umane e strumentali basati sulla condivisione dell’ambiente di lavoro.

L’Avviso è rivolto alle Pubbliche Amministrazioni centrali, regionali e locali.

Le candidature dovranno essere trasmesse entro il 15 giugno 2017.

Eventuali informazioni o chiarimenti possono essere richiesti esclusivamente via posta elettronica lavoroagiledpo@governo.it

DOCUMENTAZIONE

avviso-manifestazione-di-interesse-lavoro-agile_1 (.pdf)

modulo-manifestazione-di-interesse_a (.pdf)

modulo-manifestazione-di-interesse_a (.doc)

modulo-manifestazione-di-interesse_b (.pdf)

modulo-manifestazione-di-interesse_b (.doc)

******************************************************

Il progetto “Lavoro agile per il futuro della PA” è finanziato con risorse a valere sull’Asse I del PON Governance e Capacità Istituzionale 2014-2020, Azione 1.3.5 –  Interventi per la razionalizzazione delle amministrazioni pubbliche, per il miglioramento dell’efficienza organizzativa e della gestione del personale.