Verso l’Avvocatura del 2020

Parte il progetto per un nuovo modello di governance e digitalizzazione dei processi per il potenziamento dei servizi legali alla PA

Roma – Sottoscritta oggi la convenzione tra l’Agenzia per la Coesione Territoriale e l’Avvocatura Generale dello Stato per rendere pienamente operativa la strategia di digitalizzazione dell’Avvocatura.

Il progetto – denominato Avvocatura 2020 – racchiude in sé una serie di interventi strutturati che puntano a innovare i processi e l’organizzazione dell’attività professionale e amministrativa dell’Avvocatura dello Stato, a creare un sistema integrato di supporto alla governance e alla condivisione della conoscenza e a semplificare i colloqui informatici con le Amministrazioni e con gli Uffici giudiziari interessati dai processi telematici.

Avvocatura 2020 – finanziato con risorse a valere sul Programma Azione Coesione Complementare al Programma Operativo Nazionale Governance e Capacità Istituzionale con una durata prevista fino alla fine del 2020 – si inserisce nel quadro della strategia del Programma con l’obiettivo di contribuire ai processi di modernizzazione e digitalizzazione della Pubblica Amministrazione.

In particolare il progetto combinerà diverse linee di attività relative alla re-ingegnerizzazione dei processi di lavoro; alla digitalizzazione dei documenti e dei workflow documentali; alla progettazione e realizzazione di un’architettura di back-end e al design e sviluppo di applicazioni di front-end improntate al principio di usabilità e allo sviluppo di un nuovo modello per consentire una piena interoperabilità da e verso tutte le altre Amministrazioni, accompagnati da idonee misure formative.

Prevista anche la costituzione di un “Governance Board Operativo” che assicurerà il monitoraggio degli interventi realizzati e l’omogeneizzazione sia sotto il profilo strumentale che organizzativo e operativo di tutte le Avvocature, definendo una vera e propria azione di sistema di portata nazionale.