Stati Generali della Montagna: conclusa la due giorni di lavori a Roccaraso

L'iniziativa è inserita nel quadro delle attività del progetto #pongov ITALIAE del Dipartimento per gli Affari Regionali e le Autonomie

Una intensa due giorni di lavori ha caratterizzato la prima sessione straordinaria degli Stati Generali della Montagna, tenutasi a Roccaraso il 24 e il 25 luglio 2020. L’iniziativa, voluta dal Ministro per gli Affari Regionali e le Autonomie Francesco Boccia per stimolare il confronto tra i principali stakeholder dei territori montani, ha fatto seguito all’evento di lancio della ‘fase 2’ degli Stati Generali della Montagna, tenutosi presso il Dipartimento per gli Affari Regionali e le Autonomie (DARA) lo scorso 31 gennaio. L’iniziativa degli Stati Generali è stata inserita dal DARA nell’ambito del Progetto ITALIAE, cofinanziato con il PON Governance e Capacità istituzionale 2014-2020. Partner dell’evento sono stati, per l’occasione, UNCEM (Unione nazionale dei Comuni, Comunità ed Enti Montani) e il Comune di Roccaraso.

La convention ha visto la presenza di tre ministri: oltre al Ministro Boccia, sono intervenuti il Ministro per l’innovazione tecnologica e la digitalizzazione Paola Pisano, e il Ministro per il Sud e la Coesione territoriale Giuseppe Provenzano.

Durante la prima giornata, inoltre, è stato firmato il “Protocollo d’intesa per il realizzazione di un programma di azioni coordinate per l’innovazione e la digitalizzazione dei Comuni montani italiani”, tra il Ministero per l’Innovazione tecnologica e la Digitalizzazione e l’Uncem. A sottoscriverlo sono stati la Ministra Paola Pisano e il Presidente Uncem Marco Bussone, alla presenza del Ministro Francesco Boccia.

La due giorni di Roccaraso ha registrato inoltre la presenza di 50 relazioni, durante le sessioni plenarie e i tavoli di lavoro, dando luogo a 8 ore di diretta sulla piattaforma streaming di UNCEM. Circa 150 gli stakeholder intervenuti nelle varie sessioni, tra i qu

ali rappresentanti delle istituzioni, degli enti locali, della politica, dell’Università e dell’associazionismo, della montagna e delle aree interne.

Gli Stati generali della Montagna hanno inoltre ospitato due gruppi di lavoro sui temi della digitalizzazione e della sostenibilità (green economy), i cui coordinatori hanno relazionato durante la sessione plenaria.

Minimo comune denominatore delle relazioni e dei contributi, la montagna e le strategie di rilancio del tessuto montano nell’era del post-Covid e del Recovery plan.

Per saperne di più si rimanda al comunicato stampa dell’UNCEM, e ad alcuni contributi giornalistici (video 1, video 2, video 3). A questo link è invece disponibile l’intero programma dell’evento.

 


X