Pon governance, speso il 15% delle risorse

2 aprile 2019 – Il Sole 24 Ore
Nino Amadore
Una dotazione complessiva di 780,755 milioni di Fondi europei, una spesa di 117,5 milioni pari al 15% del totale. Sono i numeri essenziali del Programma operativo nazionale (Pon) Governance 2014-2020 per la competitività del territorio e che saranno diffusi nel corso del convegno che si terrà a Roma il 3 aprile a partire dalle 10 al Wegil che si trova a Tastevere (Largo Ascianghi 5). Fondi stanziati per finanziare 105 progetti per un totale di 66 diverse pubbliche amministrazioni beneficiarie tra cui l’Istat, l’Anac, L’Anci, Unioncamere, l’Ispra e l’Agid.

Il Pon governance, spiega l’Autorità di gestione che fa capo a Riccardo Monaco, «ha raggiunto e superato il target finanziario n+3, ovvero il target di spesa da raggiungere al terzo anno del programma per non incorrere nel definanziamento della parte non raggiunta, pari a oltre il 108 per cento. Dall’inizio della nuova programmazione il Pon Gov ha assegnato oltre l’88,2% della dotazione complessiva». Fin qui i dati in generale. Il Pon Governance, che è gestito dall’Agenzia per la coesione di cui è direttore Antonio Caponetto, prevede quattro Assi di intervento: l’Asse 1 che punta allo sviluppo della capacità amministrativa e istituzionale per modernizzare la pubblica amministrazione; l’Asse 2 che invece si propone lo sviluppo dell’e-government, dell’interoperabilità e supporto dell’Agenda digitale; l’Asse 3 che ha come obiettivo il rafforzamento della governance multilivello nei programmi di investimento pubblici; l’Asse 4 è invece dedicato all’assistenza tecnica. Quanto ai numeri, nel’Asse 1 (che ha avuto 387,567 milioni stanziati) rientrano 16 dei 105 progetti finanziati dal programma di cui 5 finanziati in parte dall’Asse 2. L’Asse 1 è quello con la minore spesa certificata: il 6,37% pari a circa 25 milioni di euro.

Nell’Asse 2, con uno stanziamento di 89,962 milioni, rientrano sette progetti di cui 5 finanziati in parte dall’Asse 1: in questo caso la spesa certificata è quasi la metà della dotazione complessiva del singolo asse prioritario. Per quanto riguarda l’Asse 3, con 251,120 milioni stanziati, viene sottolineato che si tratta dell’Asse con il più alto numero di progetto finanziati (che sono in totale 72) ma nello stesso tempo che la spesa certificata è pari al 16% della dotazione finanziaria complessiva dell’Asse. Infine l’Asse 4 con 52 milioni e 15 progetti finanziati. Per ciò che concerne, invece, la distribuzione territoriale delle risorse, l’Autorità di gestione spiega che «è difficile fornire una visione geografica o territoriale del Programma perché il Pon si rivolge in via principale ad amministrazioni centrali». Sono solo due i progetti che coinvolgono una pluralità di enti locali ma costituiscono un’eccezione: Open Community PA 2020 e Rafforzamento amministrativo-Città metropolitane. Tuttavia la distribuzione delle risorse ha seguito questa ripartizione: alle regioni meno sviluppate sono andati 640,199 milioni (quasi l’82% del totale del Pon), alle regioni in transizione sono andati 38,556 milioni (quasi il 5% del totale), alle regioni più sviluppate 101,999 milioni (il 13% del totale).

https://www.ilsole24ore.com/art/impresa-e-territori/2019-04-01/pon-governance-speso-15percento-risorse-151752.shtml?uuid=ABGY9pjB


X