e-skills, trasparenza, e-gov nei nuovi progetti #pongov del Dipartimento della Funzione Pubblica

Il nuovo anno si apre con importanti novità sul piano dell’attuazione del #pongov.
Nel mese di gennaio il Dipartimento della Funzione Pubblica – Organismo Intermedio del Programma – ha avviato tre nuovi progetti nel quadro degli Assi delegati, presentati alle Autorità di Gestione Fse e Fesr durante l’incontro organizzato lo scorso 23 gennaio.

In coerenza con le indicazioni strategiche e operative del Programma nazionale per la cultura, la formazione e le competenze digitali – promosse da AgID – il primo progetto ha l’obiettivo di rafforzare le competenze digitali di base dei dipendenti pubblici e diffondere una visione comune sui temi della cittadinanza digitale, dell’e-government e dell’open government.

Questa iniziativa – Competenze digitali per la PA – viene supportata attraverso risorse dell’Asse 1, Obiettivo Specifico 1.3. Azione 1.3.1, riferita per l’appunto anche allo sviluppo nella PA delle e-skills.

Il secondo è il progetto Centro di Competenza FOIA, la prima iniziativa finanziata con risorse a valere sull’Azione 1.1.1 dell’Obiettivo Specifico 1.1, finalizzato a supportare lo sviluppo di competenze per la produzione e gestione dei dati pubblici e per iniziative di accesso e riuso favorendo trasparenza e partecipazione civica.

In particolare con questo progetto si interverrà per rafforzare la capacità amministrativa delle PA impegnate nell’attuazione della nuova forma di accesso civico a dati e documenti pubblici, introdotta dalla normativa sul modello del sistema anglosassone Freedom of Information Act – FOIA.
In considerazione dell’impostazione strategica del #pongov – caratterizzata da una complementarietà tra l’Asse 1 e l’Asse 2 – il progetto prevede inoltre la realizzazione di una piattaforma e l’attivazione di una serie di servizi web finanziati attraverso l’azione 2.1.1 dell’Obiettivo Specifico 2.1.

Infine, il terzo di questi progetti – di cui è beneficiario AgID – è parte di un modello a tre livelli (Ecosistemi, Infrastrutture immateriali nazionali e Infrastrutture fisiche) per lo sviluppo digitale della PA, in particolare sostenendo la razionalizzazione dei data center pubblici mediante migrazione e/o trasformazione verso il Cloud, in coerenza con la Strategia per la crescita digitale.

Per approfondire