RE-START Resilienza Territoriale Appennino Centrale

Programma Operativo Complementare Governance e Capacità Istituzionale 2014-2020

RE-START Resilienza Territoriale Appennino Centrale
Autorità di Bacino distrettuale dell’Appennino Centrale

Obiettivo del progetto è rafforzare la capacità di governo delle istituzioni centrali, territoriali e locali mediante la messa a punto di un modello che prevede la cooperazione delle parti interessate secondo procedure standardizzate per la ingegnerizzazione dei processi di ricostruzione post sisma nel più generale sistema delle azioni complessive per garantire la sicurezza idrogeologica e la gestione sostenibile delle risorse idriche.

Le attività “core” del modello sono la capacità di aggiornamento “in tempo reale” del quadro conoscitivo dei fenomeni di rischio pregressi e sismo-indotti, la condivisione dei dati del progetto che risiedono nella piattaforma tecnologica, la realizzazione dei modelli di supporto alle decisioni.

La strategia d’azione prevede un modello pilota di governance funzionale alla gestione di eventi che determinano improvvisi cambiamenti delle condizioni territoriali di riferimento. Il progetto si muove nel dominio dell’area sismogenetica corrispondente con le idrostrutture carbonatiche dell’Appennino Centrale, e cioè la dorsale umbro-marchigiana e la dorsale abruzzese, con i connessi bacini idrografici sostenuti dai deflussi di base e i relativi schemi idrici a servizio degli usi.

Nel contesto dei recenti accadimenti sismici si rende necessaria l’implementazione del nuovo quadro conoscitivo e la predisposizione di strumenti tecnici e di governance per la riprogrammazione delle risorse idriche in tale contesto di variabilità specifica.

Questa Autorità si occuperà della direzione e coordinamento del progetto e della gestione delle relative attività. Al progetto partecipano come partner le Regioni interessate dagli effetti indotti dagli eventi sismici: Umbria, Marche, Lazio e Abruzzo.

In considerazione del ruolo che le attività del progetto si propongono di assumere nel tempo – anche successivo alla durata del progetto stesso – le Regioni rivestono il doppio ruolo di partner e destinatari del progetto. Nel primo caso sono portatrici di istanze locali, contribuiscono alla definizione del quadro conoscitivo di riferimento e nel secondo si avvalgono dei risultati del progetto in termini di miglioramento della governance.

Se infatti l’obiettivo strategico di Restart è sviluppare la capacity building delle amministrazioni mediante la definizione di un modello “virtuoso” di risposta del territorio a stress improvvisi, le Regioni – enti vicini ai comuni, alle associazioni e ai cittadini – possono certamente avvalersene nell’ambito delle loro funzioni.

È previsto il coinvolgimento di altri enti pubblici sulla base delle funzioni espletate nell’ambito delle relative competenze (governance istituzionale) connesse agli obiettivi generali del progetto. La finalizzazione principale dell’obiettivo è la redazione del bilancio idrico quali-quantitativo della risorsa idrica superficiale e sotterranea (bilancio idrico integrato) dell’Appennino Centrale interessato dall’area del “cratere sismico”.

***

http://www.autoritadistrettoac.it/restart

articoli correlati

febbraio 13, 2020
Il prossimo appuntamento del Laboratorio Nazionale sulle Politiche di Ricerca e Innovazione si terrà il 19 febbraio nella sede dell’Agenzia in Via Sicilia 162/C...
gennaio 21, 2020
L’Autorità Nazionale Anticorruzione, amministrazione beneficiaria del progetto #pongov Misurazione del rischio di corruzione a livello territoriale e promozione della trasparenza, ha pubblicato un Avviso...
gennaio 14, 2020
Come per la maggior parte dei Programmi Operativi italiani, il 2019 è stato l’anno del secondo target finanziario n+3 per il PON Governance e...
gennaio 7, 2020
L’ENEA ha promosso, proposto e avviato un cambiamento nelle modalità di gestione delle infrastrutture particolarmente strategiche all’innovazione dei contesti urbani e territoriali partendo dal...
dicembre 16, 2019
Si svolge oggi, lunedì 16 dicembre, a Zagabria, l’evento di inaugurazione del progetto pilota At the School of OpenCohesion in Croazia, alla presenza del Ministro per lo Sviluppo...
dicembre 16, 2019
Nei giorni 4 e 5 dicembre, nell’ambito del progetto #PONGOV ES-PA, sono stati organizzati due workshop, rispettivamente a Sanza (SA) e a Marsico Nuovo...
dicembre 12, 2019
A Roma il 16 dicembre 2019, presso il “Talent Garden” in via Ostiense 92, a partire dalle ore 14.15, si svolge il final meeting della seconda...
dicembre 12, 2019
Con la pubblicazione delle schede di Monitor-rifiuti aggiornate al 2019 si completa Monitor-SPL, la porta di accesso alle banche dati del progetto #pongov ReOPEN SPL con...
dicembre 6, 2019
5 dicembre 2019 – t24 de Il Sole 24 Ore «I nostri territori hanno bisogno di confrontarsi con il contesto economico europeo: se la...
dicembre 5, 2019
(ANSA) – FIRENZE, 4 DIC – “I nostri territori hanno bisogno di confrontarsi con il contesto economico europeo: se la Toscana ha ottime performance...
X