A Scuola di OpenCoesione sbarca in Europa: la Commissione europea lancia la call per gli Stati membri.

Scadenza adesioni entro 29 marzo 2019

Un’edizione pilota del percorso didattico multidisciplinare A Scuola di OpenCoesione (ASOC), sbarca in Europa. Pubblicata la manifestazione d’interesse rivolta a Organismi di coordinamento dei Fondi UE o Autorità di Gestione dei Programmi FESR o Fondo di Coesione che intendono partecipare e cimentarsi in una sfida didattica che promuove la partecipazione civica degli studenti a partire dai dati aperti sui progetti finanziati dalle politiche di coesione.

La DG Regio della Commissione Europea intende, infatti, sostenere 3-5 Stati membri che vogliano replicare l’esperienza italiana di monitoraggio civico di “A Scuola di OpenCoesione”.

La CE, inoltre, considerata l’importanza dell’azione di monitoraggio degli studenti sull’efficacia degli investimenti della politica di coesione, offre il suo sostegno attraverso:

  • un’attività di formazione e tutoraggio per impostare attività, strumenti e competenze necessarie per replicare l’esperienza italiana;
  • la traduzione dei moduli di apprendimento (MOOC) utilizzati nell’ambito del progetto italiano nelle lingue degli Stati membri che parteciperanno;
  • attività di supporto durante tutto il primo anno scolastico.

La pubblicazione del Bando europeo “OpenCohesion School” è un importante riconoscimento per il percorso didattico avviato nel 2013 nell’ambito dell’iniziativa OpenCoesione, supportata dal PON Governance, che promuove principi di cittadinanza attiva e abilita gli studenti delle scuole secondarie superiori a scoprire come i fondi pubblici vengono spesi sul proprio territorio e a coinvolgere la collettività nella verifica e nella discussione della loro efficacia.

La scadenza per aderire alla manifestazione di interesse è il prossimo venerdì 29 marzo 2019.

Tutte le informazioni per partecipare sono disponibili qui


X